Finale di Campionato Quarta Categoria – II° livello: ottime prestazioni per Divertime/Samp for Special

0
134
Ieri mattina, nell’inedita cornice del campo Cà de Rissi di Molassana, si è giocata l’ultima partita del Campionato di Quarta Categoria – II° livello, il recupero di una giornata non disputata, il 10 febbraio, per Allerta Meteo. I ragazzi di Divertime hanno così incrociato nei due incontri giornalieri le due squadre più temibili del girone: il fortissimo Spezia e la capolista Savona, che giungeva all’appuntamento con lo score di una sola sconfitta, proprio contro lo Spezia. Samp for Special si è presentata all’appuntamento con 7 giocatori contati e senza un portiere di ruolo, ma con due prestazioni superlative ha confermato di aver raggiunto una maturità, una compattezza, uno spirito di squadra che lasciano intravedere orizzonti luminosi per il futuro. Il tutto al di là dei lusinghieri risultati ottenuti ieri, questi devono rappresentare il motivo di maggiore soddisfazione per gli atleti e di orgoglio smisurato per l’intero staff di Divertime. Nella prima partita prestazione-monstre e vittoria dei blucerchiati per 1-0 contro la capolista Savona; mentre nel secondo incontro si registra una più che onorevole sconfitta col temibilissimo Spezia, superiore per l’evidente e innegabile strapotere fisico, ma non certo sul piano tecnico e per l’impianto di gioco.
“Difficile stilare pagelle per le due prestazioni; anzi, forse fin troppo facile perché tutti indistintamente meritano un voto non certo inferiore a 9. Mattia e Luca per il muro difensivo che hanno saputo creare; Gabriele e Andrea (che ha continuato a giocare dopo una botta al volto che avrebbe steso un toro) imprendibili sulle fasce ed efficaci anche nei ripiegamenti difensivi; Manuel piacevolissima sorpresa in un ruolo per lui inedito che lo porta anche a segnare una pregevole marcatura. Immagino però che nessuno avrà da ridire se assegniamo anche dei 9,5 (10 non si dà…per principio) e ci riferiamo a tre elementi della squadra in particolare: Maurizio (che ha accettato di sacrificarsi e giocare in porta facendo “molto meglio del suo meglio), Ayyoub (che in pieno Ramadan e con una mano infortunata ha sfornato una prestazione da stropicciarsi gli occhi) e infine Mister Enrico (che a bordo campo ha forse bruciato più calorie dei ragazzi in campo e ha saputo guidare e gestire ogni aspetto tecnico e motivazionale in maniera impeccabile). Sapevamo che questo sarebbe stato un anno “sperimentale”, di “studio” per un futuro che ora si può immaginare foriero di grandi soddisfazioni; sempre a patto di mantenere il medesimo impegno e spirito di squadra”. Questo il commento dal club blucerchiato.