Genova è capitale italiana dell’hand bike: domenica parte il Giro da Corso Italia

0
138

Al via domenica 17 marzo, a Genova, a partire dalle ore 10.45, la 14^ edizione del Giro HandBike, la corsa a tappe di bici a tre ruote in cui gareggiano, alla pari, ciclisti normodotati e con disabilità.

Un’eccellenza dello sport italiano paralimpico e non solo che quest’anno, in occasione di Genova Capitale europea dello Sport 2024, partirà dalla nostra città: uno straordinario evento a cui il pubblico è invitato assistere gratuitamente per ammirare il coraggio di questi campioni e ammirare da vicino la loro capacità di superare le barriere. Per i 70 handbikers iscritti un percorso ondulato di 4 km disegnato sul lungomare di corso Italia, a pochi passi dal suggestivo borgo marinaro di Boccadasse. Uno scenario unico che vedrà gli atleti sfidarsi in velocità lungo i rettilinei e le curve di un percorso dove correre con la formula di un’ora più in giro: in palio la maglia rosa, la maglia bianca per il miglior giovane, la maglia rossa per il fast team e la maglia nera.

Maglie ideate dal designer Damiano Rizzo – ispirato dai super poteri che possiede a livello visivo il colibrì – che, con un concept nuovo e in collaborazione con il maglificio sportivo Rosti, ha saputo creare dei pezzi unici, come unici e speciali sono le atlete e gli atleti, i protagonisti del Giro HandBike. Non solo agonismo: il Giro HandBike 2024 si preannuncia anche ricca di risate assicurate da Antonio Ornano, comico e cabarettista ligure di successo protagonista di programmi Tv come Zelig, Only Fun e GialappaShow che, impegnato nei teatri con il suo spettacolo “Maschio caucasico irrisolto”, ha scelto di essere al fianco del Giro HandBike come testimonial 2024.

Appuntamento domenica 17 marzo alle ore 10.45 in corso Italia, all’altezza di via don Giovanni Minzoni per applaudire i #campionidivita del Giro Handbike 2024.

“Parte da Genova 2024 Capitale Europea dello Sport la strada verso le Paralimpiadi di Parigi con la nostra città che farà da palcoscenico alla prima tappa del Giro d’Italia HandBike dichiara l’assessore comunale allo Sport e al Turismo Alessandra Bianchi Genova è pronta a dare il benvenuto agli atleti che si sfideranno lungo un percorso davvero suggestivo nella splendida cornice di corso Italia. Ma il Giro HandBike non rappresenta solo un evento sportivo agonistico di altissimo livello, ma anche una prestigiosa occasione per la diffusione di tutti quei valori, come l’inclusione e l’integrazione, intrinseci allo sport e che, come Capitale europea dello Sport vogliamo continuare a promuovere”.

“Ancora una volta lo sport parla di inclusione e di aggregazione – dice l’assessore comunale alle Politiche Sociali Lorenza Rosso – Il messaggio che questi atleti ci vogliono dare è che bisogna sempre reagire alle situazioni che la vita ci mette davanti, ed è per questo che devono essere fonte di ispirazione spronando i tanti giovani che si trovano ad affrontare la disabilità, anche a seguito di un trauma o di un incidente stradale”.

“Gli atleti di HandBike, come tutti coloro che praticano discipline paralimpiche, sono un esempio tangibile di come sia possibile superare le difficoltà e di come sia importante non arrendersi davanti alle avversità – sottolinea l’assessore regionale allo Sport Simona Ferro Genova Capitale europea dello Sport 2024 valorizza anche così il tema dell’inclusione. Lo faremo anche noi nel 2025 quando la Liguria sarà Regione Europea dello Sport. Sul piano squisitamente sportivo, invece, il Giro Handbike che parte da Genova segna una tappa significativa nel cammino verso l’appuntamento più importante della stagione sulla scia dei grandissimi risultati ottenuti dalle atlete e dagli atleti paralimpici italiani ai recenti Mondiali di Glasgow ed Europei di Rotterdam e in vista dei XVII Giochi Paralimpici di Parigi 2024″.

“Dopo un anno di lavoro siamo giunti alla grande partenza dell’edizione 2024 in un importante palcoscenico, Genova Capitale europea dello Sport – spiega il presidente di SEO, la società organizzatrice del Giro HandBike, Fabio Pennella – I nostri grandi campioni di vita ancora una volta godranno di uno degli scenari più suggestivi d’Italia, un percorso magnifico che darà la carica giusta per iniziare al meglio la stagione. Ringrazio tutta l’amministrazione comunale per questa grande opportunità e tutta la macchina organizzativa di Genova 2024 per l’impegno profuso.

“Un importante momento di sport integrativo di alto livello per Genova – dice la coordinatrice regionale di Sport e Salute Spa Michela Carfagna  Sport e Salute ha nella sua mission l’integrazione e l’inclusione, ma per arrivare all’alto livello bisogna lavorare alla base per motivare i ragazzi a svolgere attività sportiva per creare oggi i campioni di domani. La visibilità che crea un evento come il Giro di HandBike è importante per far crescere la voglia di provare e di mettersi in gioco. Genova 2024 è un grande palcoscenico a cielo aperto per eventi di questa portata che fanno della nostra città un teatro sportivo di grande attenzione, di grande ricaduta economico-turistica. Grazie al Comune che con Genova Capitale europea dello Sport 2024 si sta impegnando molto per dare alla Città e al mondo sportivo la visibilità che merita”.

Il Giro HandBike 2024 proseguirà con altre cinque tappe: Monfalcone (Gorizia), 12 maggio; Dairago (Milano), 14 luglio; Pioltello (Milano), 22 settembre; Noicattaro (Bari), 6 ottobre; Como, 20 ottobre. Genova 2024 Capitale europea dello Sport gode dei patrocini di Ministero per lo Sport e i Giovani, Ministero del Turismo, Enit, Sport e Salute, Coni, Cip, Ussi. Sostengono Genova 2024: Iren (Main Sponsor), Givova, Ranieri Tonissi (Silver Sponsor), Banca Passadore, Ignazio Messina & C., Sirce, Ance, Archlux (Bronze Sponsor), Porto Antico di Genova Spa (Partner). Sono “Friends of Genova 2024” Genovarent, Edil 2, Banca d’Alba, Villa Costruzioni, SGM Mercato, Amer Steel, Italmatch Chemicals. Infine, è da sottolineare il supporto logistico dei Bagni Lido che ospiteranno il momento di festa finale dedicato al tradizionale “pasta party” e alle premiazioni.