Smart Cus City: celebrato a Campobasso il progetto inclusivo del Cus

0
389

Come dimostrato negli ultimi anni il CUS Genova è molto attento ai bisogni della popolazione così come alla socialità che lo sport porta con sé. Proprio in questa direzione si è articolato il Progetto “Smart CUS City”, promosso dalla FederCUSI, la Federazione Italiana dello Sport Universitario, e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e avviato dal CUS Genova con il patrocinio del Municipio VIII Genova Medio Levante.

La finalità era quella di dare risposte alle esigenze del territorio, espressamente manifestate al CUS Genova dal Municipio Medio Levante, nel quale è inserito. La Polisportiva, grazie ai progetti già intrapresi tramite la FederCUSI, ha potuto contare su una rete territoriale attiva e reattiva che, con il supporto del Municipio, sarà utilissima per la diffusione e l’attuazione di questo Progetto.

La prima fase è stata caratterizzata, presso una delle strutture principali della Polisportiva, il PalaSport “Carmine Alfredo Romanzi”, da lezioni di tai-chi, ginnastica posturale e fitness adattato destinate alla fascia senior della popolazione, in particolare agli Over 65. La seconda fase è stata invece caratterizzata da uscite in barca a vela proposte all’ATS 43 Direzione Politiche Sociali del Comune di Genova e destinate a un pubblico individuato attraverso la collaborazione con la rete sociale territoriale a supporto del CUS in questi anni di progetti, il tutto grazie alla convenzione stipulata con l’ITTL Nautico San Giorgio.

Ma non solo. Nella seconda fase sono state anche organizzate uscite in eBike sulle alture di Genova destinate a ragazzi universitari inattivi, e quindi non soliti praticare sport. Tutti i corsi sono stati tenuti da istruttori qualificati, e durante il percorso sono stati organizzati interventi di figure professionali a supporto. Ad esempio, sono stati organizzati incontri con un biologo nutrizionista al fine di educare i partecipanti alle corrette abitudini alimentari.

Un progetto, “Smart CUS City”, celebrato anche al Festival dello Smart Sport di Campobasso, in cui la FederCUSI ha chiamato a raccolta l’Italia dello Sport Universitario sotto il segno dell’inclusione. Nel Molise sono stati celebrati i 19 progetti territoriali realizzati da 19 diversi Centri Sportivi Universitari, per un totale di 21 Smart Family Trainer, quaranta ore di formazione, oltre 1500 destinatari raggiunti. Una tre-giorni di confronto e di bilancio di quanto fatto all’interno del progetto sviluppato lungo l’arco di tutto il 2022 e per metà del corrente anno.

Il macro-progetto CUSI Sport Inclusivo, che mostra una visione nuova dello sport universitario più inclusiva, moderna, emancipata e partecipata dai CUS, vede porre a Campobasso una pietra miliare del proprio percorso e chiudere il terzo capitolo della fruttuosa collaborazione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali iniziata nel 2018 con “Spin” proseguita nel 2019 con “Siamo Sport” e nel 2021 con “Smart Sport”.

Queste le parole di Antonio Dima, Presidente della FederCUSI: «Con il Festival Nazionale dello Smart sport a Campobasso, FederCUSI ha raccontato i risultati del Progetto Smart Sport ma ha soprattutto colto l’occasione per incoraggiare il dialogo costante tra i CUS e le università. Obiettivo: camminare insieme».

Questo il commento di Maurizio Cechini, Presidente del CUS Genova: «Smart Sport è stato un progetto molto stimolante e intenso che ha coinvolto una utenza eterogenea inattiva. Bambini, universitari e anziani attraverso l’attività sportiva hanno ritrovato stimoli e benefici».