I progetti inclusivi dell’US Lavagnese

0
335

L’US Lavagnese annuncia, nell’ambito del progetto di riconoscimento della Scuola Calcio di Elite di Terzo Livello, una nuova importante e bellissima collaborazione. 

Si tratta del progetto con i ragazzi con disabilità della BIC, Be Included Community.

Sabato 17 dicembre una delegazione bianconera ha partecipato a una sessione di “calcio integrato” con i ragazzi della BIC. Il calcio integrato prevede che persone normodotati giochino insieme a persone con disabilità, al fine di stimolarne l’attività motoria e il benessere psicofisico.

Un’esperienza di grande valore, umano e sportivo, per i partecipanti e che ha riempito di entusiasmo l’ambiente bianconero.

Il percorso di riconoscimento della Scuola Calcio di Elite di Terzo Livello prevede per la Lavagnese anche altri impegni. Grazie all’impegno della Società, del DG Giacomo Nicolini e del Responsabile del Settore Giovanile Walter Noris, sono diverse infatti le attività che attualmente la Società bianconera sta intraprendendo sul territorio.

Attualmente è attivo il progetto “Giococalciando” che prevede l’impegno dei tecnici qualificati all’interno delle Scuole Riboli di Lavagna e nel plesso di Cavi di Lavagna, i quali si occupano dell’attività motoria e dell’insegnamento dei fondamenti sportivi ai bambini del primo e del secondo ciclo delle scuole elementari, eccetto la classe Quinta.

Nel 2023 inoltre entrerà nel vivo il progetto dell’area psicologica, guidato dalla dott.ssa Sabrina BenvenutoQuesti tre progetti hanno una valenza significativa, in quanto ognuna di queste attività può generare all’interno della Società dei circoli virtuosi che premino i tesserati, all’interno di un più ampio progetto trasversale che non sia di esclusiva pertinenza tecnico calcistica.