Filippo Richeri si supera: 14 ore tra bici e sci. L’iniziativa a scopo benefico

0
1010

Filippo Richeri ha 39 anni ed è nato a Calice Ligure. Ormai è un milanese d’adozione e  giovedì scorso, è stato protagonista di una nuova sfida, a sfondo benefico: “Ride4EnjoySki”.

L’iniziativa a scopo benefico

L’obiettivo era raccogliere fondi da devolvere alla Onlus EnjoySki, associazione no profit nata nel 2015 che permette ai ragazzi diversamente abili di avvicinarsi agli sport invernali,  non necessariamente a livello agonistico. Lo scopo è soprattutto quello di far divertire e di puntare sull’inclusione.

Fino ad oggi sono stati raccolti, sulla piattaforma Gofondme, 3000 euro, ma la campagna proseguirà fino a domenica 25 aprile e chi vorrà potrà fare la propria donazione, aiutando così Filippo Richeri a superare l’obiettivo, proprio di tremila euro, che si era prefissato.

CLICCA QUI PER PARTECIPARE ALLA DONAZIONE SU GOFONDME

La sfida di Filippo 

Filippo Richeri, imprenditore appassionato e sportivo fortemente legato alle tematiche della sostenibilità e della solidarietà, promosse tra le attività della FSB Group, di cui è proprio tra i soci fondatori, è partito giovedì scorso alle 5.45 in bicicletta, da Piazza del Duomo, a Milano. Ha raggiunto Saint Moritz alle 19.48. Dopo aver percorso 178 chilometri con la due ruote, con un dislivello totale di 2 mila e 400 metri fino ai piedi del Piz Mezdi, ha iniziato a l’ascesa sci alpinistica di mille e 300 metri, portata a termine prima del tramonto. In totale, la sfida è durata 14 ore e 3 minuti.

Per lui non è certo la prima impresa giunta a conclusione. Sei mesi fa, infatti, aveva attraversato l’Italia in bicicletta per raccogliere fondi che permettessero l’acquisto di una sedia a rotelle di ultima generazione a Guidino, un bimbo di tre anni affetto da SMA (atrofia muscolare spinale). In quell’occasione Richeri era riuscito a racimolare sessantamila euro in quindici giorni. In sella alla sua due ruote aveva percorso 1580 km attraverso l’Italia con destinazione Noto, in Sicilia. Un modo per promuovere, inoltre, il Paese dopo il lockdown.